Il prurito che si ha nella insufficienza renale cronica (uremia) è un sintomo molto invalidante. Esso affligge circa la metà dei pazienti con uremia, più spesso diffuso a tutta la superficie del corpo. Ora vedremo le cure con prodotti naturali per il prurito uremico, le sue cause e le terapie utilizzate.

Il prurito uremico, specie quando e’ intrattabile, è un sintomo con impatto devastante sullo stato psico-fisico del paziente. Ad esso può seguire mancanza di forza, stato di agitazione sino a quadri di depressione e si associa ad un aumentato rischio di morte. Il prurito uremico è una delle manifestazioni di patologia cutanea più frequenti, frustranti e potenzialmente causa di disabilità nell’uremico cronico. Interessa oltre il 50% dei pazienti, siano essi trattati con terapia extracorporea o con dialisi peritoneale. Esso influenza grandemente la qualità del sonno. I pazienti affetti da prurito uremico dichiarano di non riuscire a dormire la notte e di avere di conseguenza sonnolenza nelle ore diurne. Tale disabilità può recedere con l’uso di rimedi naturali per il prurito uremico.

C’è una correlazione tra vie nervose che provocano il prurito e quelle responsabili del dolore. Infatti, come per il dolore, anche per il prurito è stato identificato un gruppo di fibre di tipo C deputate alla conduzione di tale stimolo. Esse sono in grado di attivare i neuroni midollari che poi trasmettono il segnale alla regione talamica. Le fibre nervose di tipo C sono presenti negli strati profondi dell’epidermide o nella giunzione dermo-epidermica della pelle, dove interagiscono con i mastociti. Essi influenzano la produzione del prurito rilasciando peptidi vasoattivi come l’istamina, l’IL-2, alcune proteasi e il TNF.

La terapie che si usano di solito, all’inizio adoperano membrane in polimetilmetacrilato durante la dialisi. In seguito, vengono adoperati emollienti cutanei o creme alla capsaicina (che non possono essere applicate a grandi superfici per l’effetto irritativo). Successivamente, si attuano trattamenti sistemici con l’uso dei raggi ultravioletti B (di cui va considerato il potenziale effetto carcinogenetico sulla pelle). Si possono anche usare farmaci antiepilettici come il gabapentin (possibili effetti collaterali: 1) Neurotossicità sino al coma. 2) Agitazione. 3) Esoftalmo. 4) Psoriasi. 5) Pancreatite).
risultati oltretutto sono insoddisfacenti se, come già detto, oltre la metà dei pazienti continua ad avere prurito, oltre ai pesanti effetti collaterali. Non così i rimedi naturali per il prurito nella insufficienza renale.

Infatti, cure naturali per il prurito uremico possono essere attuate per la loro efficacia e assenza di effetti collaterali grazie all’azione di prodotti naturali come Calendula Officinalis e Rhodiola rosea che hanno azione antinfiammatoriaanti radicali liberi e lenitiva. Ci sono anche altre sostanze naturali (flavoproteine e altri coenzimi come NAD e NADP) che contribuiscono al ripristino del metabolismo dei mastociti con il conseguente ripristino della fisiologica emissione di peptidi vasoattivi. Pertanto, un rimedio naturale per il prurito uremico è possibile e auspicabile nell’interesse esclusivo dei pazienti.